I’m becomin’ Venus

Oggi ho finito da poco la mia prima sessione di aerobica della mia vita e credo di essere trapassata. In realtà avevo già fatto aerobica, per 3 mesi, 4 anni fa, ma l’avventura si era conclusa con me stesa per terra in piena crisi respiratoria, l’istruttore (un turco gigantesco, ma che sembrava più un americano) che mi teneva le gambe per aria e tutte le signore intorno.

Stavolta è andata meglio. Grazie ad un’amica recentemente acquisita, I., piemontese anche lei (c’è una forza arcana che mi attrae verso i piemontesi?), ho scoperto il mondo dei gymtutorial. Ho procrastinato per un pò, come mio solito, e oggi sfidando il raffreddore e la pigrizia, mi sono messa sotto. Tutta la lezione era composta di 8 parti da 10 minuti circa e io sono riuscita a farne solo 4, ma per essere la prima volta sono decisamente soddisfatta!

Nel video c’era un’istruttrice e dietro 5 o 6 tizie e un tizio tutti in costumini succinti, terribilmente anni ’80. L’inizio è lento e infatti mi sentivo gagliardissima, poi quando ha iniziato ad aumentare il ritmo continuavo a vedere lei tutta sorridente, capelli al vento “pump it up!” “keep breathin’ “, anchegghi perfetti, io invece mi muovevo come un cinghiale ubriaco, continuavo a inciampare nei miei polmoni che erano già stati sputati al secondo video, scoordinata al massimo, non capivo gli esercizi per cui li facevo un pò alla cazzo di cane (in effetti avrei potuto fare la furbata di vedermeli bene prima e imparare la coreografia), ma la cosa più sbalorditiva erano le tette della tizia.

Ora, io posso vantare una quarta di marmo, che sfida la gravità e posso permettermi di andare in giro senza sostegni vari (cfr.reggiseno), ma questa sembrava avercele di tungsteno piombato, per cui mi sono chiesta: “se continuo ad allenarmi così, che forma assumerà il mio seno?”. Potrei iniziarlo a usare come mensola porta oggetti, o come poggiatesta quando sono stanca, o attrezzarlo in modo da diventare come Venus e sparare i missili dalle tette.

Martedì mattina chiamo la protezione animali. Una stronza che abita nel mio ex appartamento tiene rinchiuso in uno sgabuzzino un coniglio, in una gabbia microscopica, gli dà da mangiare quando si ricorda e quest’estate con 40 e passa gradi l’ha sempre lasciato sul terrazzo senza acqua, sotto il sole cocente e sempre in quella gabbia. Mi ribolle il sangue nelle vene se ci penso. Si merita una bella denuncia, sta puttana.

12 pensieri su “I’m becomin’ Venus

  1. Mi piace un sacco il collegamento immediato tra le tette di marmo e il coniglio, mi è piaciuta un sacco la descrizione della lezione di gymcoso (per cui sembri DAVVERO tagliata, sarà merito delle tette) ma soprattutto sono piemontese, quindi ti aspetto
    *fa il sorriso più smagliante possibile*

  2. Aerobica mon amour!!!😀 L’ho praticata per 4 anni praticamente ininterrotti alle superiori e l’ultimo anno ero talmente invasata che mi sono presa anche il patentino (che però non ho mai utilizzato perchè mi sono trasferita a Venezia, città nota anche per la penuria spaventosa di palestre).
    Comunque se tieni duro e continui a un certo punto sarai talmente allenata che non farai la minima fatica a tenere dietro a un’ora intera!😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...