Intrippology

Uhm allora avevo detto che avrei accennato a delle novità, per quei quattro gatti di lettori che mi seguono. Avevo due novità importanti, ma già nel corso di 24 ore si sono ridotte a una sola. Meglio di niente!

Innanzitutto, quella che si è rivelata un buco nell’acqua: io e F. (che parte per Porto a Febbraio), fantasticavamo sul fatto di poter scappottare un esame del primo semestre (inutile e noioso) e poterlo fare in scambio, ma nada. Ci tocca farlo ora e studiare cose stupide e obsolete!

La seconda e più concreta news riguarda invece il mio tirocinio. Allora, dovete sapere che per laurearmi devi fare obbligatoriamente un tirocinio (detto internship) di 250 ore presso uno studio o un professionista, A GRATIS. Essendo che parto tra 128 giorni (se non ci sono intoppi*), ho ben pensato di rimandare il tutto a quando sarò tornata (autunno del 2012), ma una donna grassa mi ha aperto un nuovo orizzonte per cui la mia vita potrebbe subire una leggera deviazione. La donna grassa vive in un ufficio vicino alla segreteria, chiamato RAP. Riesce a stare a malapena dentro quella scrivania e non le si vedono i gomiti, in ogni caso questa signora obesa mi ha consigliato molto. Mi ha detto che ci sono varie opzioni per svolgere il tirocinio (che vale 18 crediti), tra cui farlo anche interno al Poli (come assistente di laboratorio) oppure farlo all’estero. Questa seconda opzione non va a coincidere col tirocinio erasmus (per cui devi fare una domanda a parte, puoi ottenere una borsa di studio ed è solo in UE), ma bensì riguarda solo te e il RAP; ovvero, puoi svolgere il tuo semestre in scambio e svolgere, parallelamente ed esternamente all’università, uno stage presso una struttura del paese ospitante, ovviamente mi devo occupare io di trovare uno studio che mi prenda come stagista e la donna opulenta mi ha anche dato delle dritte su come scrivere delle lettere di presentazione ad aziende estere, assicurandomi che mi invierà del materiale esplicativo.

Voi vi chiederete? A noi? A voi niente, a me cambia per un piccolo, ma fondamentale dettaglio. Io posso decidere di svolgere il mio internato quando mi pare, indipendentemente dal visto studentesco. Nel senso, se io ad agosto ho finito il mio semestre di scambio, ma, MA, ho ancora [ad esempio] due mesi di tirocinio da fare ancora in quell’azienda, io posso prolungare il mio periodo di permanenza lì, senza problemi di visto (la mia visa verrebbe prolungata). L’unica cosa è che sarebbe tutto a mie spese (compreso l’alloggio che a questo punto non sarebbe più offerto dall’università), ma se è come penso io, in Giappone gli stage sono pagati, per cui non dovrei avere grossi problemi.

Questo cosa vuol dire?

1. Un curriculum della madonna

2. Poter prolungare il mio soggiorno all’estero

3. Imparare decentemente la lingua

4. Fare la prima esperienza lavorativa nel mio settore, all’estero

5. Crearmi una rete di contatti che mi lasci aperti sviluppi futuri

Per cui credo che sia d’obbligo fare almeno un tentativo e cercare di realizzare questa opportunità, 頑張ります!!!!!!!!!!

Inoltre, dietro consiglio di Fabiusli, sto seguendo il dorama Hotaru no Hikari che porca zozza sembra la mia biografia. Guardandolo in giapponese con sottotitoli in inglese, sto esercitando entrambe le lingue, il che richiede uno sforzo sovrumano al mio cervellino, che è pieno di Ohayoo gozaimasu, tadaima, itterashai, ittekimasu, arigatou gozaimashita, okaerinasai, eto, ano, chotto matte, ecc…

ARG.

*parlo di intoppi perchè effettivamente non mi è ancora arrivata una comunicazione ufficiale dalla sede partner [Complimenti! Sei stato selezionato per la tua sede di destinazione!], mentre ad altri che vanno in scambio in altri paesi, è già arrivata. In caso di rifiuto, tutti i progetti che sto facendo si disintegrerebbero e io credo che cadrei in un limbo di depressione e agonia.

21 pensieri su “Intrippology

    • Maledirò te e le tue future generazioni per avermi introdotto alla visione di quel dorama…è come guardarsi allo specchio ed è stato sconcertante, non è possibile che io sia così eppure O_O sono un’himono onna >__>

  1. Anche noi abbiamo gli internship obbligatori, 3 in 2 anni. Due di un mese e uno di 10 giorni (sì, quello di 10 giorni è una fuffa) in ditte diverse che decidiamo noi…ma non vediamo uno yen neanche a piangere ;_;
    Perchè in poche parole in ditta ti devono seguire e insegnare senza poi assumerti, quindi per loro è solo una spesa di tempo e soldi.
    Sei sicura che li paghino?

    • ti ho scritto su fb una mail più dettagliata chiedendoti appunto consiglio!😀 in ogni caso dovrei cercarmelo io al di fuori dell’ambiente universitario, per cui speravo che in quanto straniera e con competenze diverse avrei destato maggiore interesse😦

  2. Ciao🙂
    girando per internet ho trovato questo blog http://www.blogger.com/profile/12910703826213758645 questa blogger mi pare di capire che lavori nell’ambito del design a Tokyo; forse la blogger potrebbe darti una mano o quanto meno indirizzarti ^_^’ se non ho capito il tuo corso di studi ha a che fare con il design (il fratello ha il super blog http://nicolaingiappone.blogspot.com/ ).

    Volevo chiederti come hai risolto con l’assicurazione sanitaria… perché stiamo girando per agenzie di viaggio e l’unica soluzione che mi propongono è la Globi (divertente è il fatto che tutte le agenzie in cui sono andato, su 6 pagine di contratto, mi hanno sempre sottolineato che la Globi copre anche le spese dell’eventuale ritorno della salma… ma dico io… tra tutte le informazioni da evidenziare, proprio quella… bah!), ma è un po’ cara come soluzione e una via di mezzo non pare trovarsi:-/

    • Nicolaingiappone certo che lo conosco! (credo lo conosca chiunque abbia avuto a che fare col Giappone)…il blog della sorella invece non lo conoscevo, mi farò un giro, grazie mille per la dritta!
      Ho raccolto un bel pò di info e di pareri tra vari italiani che risiedono in Nihon e molti mi hanno consigliato di fare l’assicurazione direttamente sul posto, nel tuo comune di residenza. Vai lì, compili un modulo molto semplice e in base alla tua posizione sociale (studente dunque) hai un’assicurazione che devi pagare ogni mese, ma è una spesa irrisoria (meno di 10 euro), per cui è sicuramente più conveniente che una internazionale (che non ho intenzione di fare, piuttosto faccio tremila figure di merda al comune, ma voglio fare quella giapponese).

  3. Buongiorno! Scusa se non ti ho risposto su fb, ma per qualche oscura ragione sono mesi che non mi notifica piu`i msg privati, quindi li vedo solo quando mi ricordo di andarli a controllare (mettici pure che da venerdi sera a domenica sera, cosa piu`unica che rara, non ho toccato un computer).
    Inoltre ora sono a scuola e da questi computerdim**da non riesco a scrivere e caricare NULLA su fb.
    Ma veniamo al dunque😀
    Per quello che so io, a meno che tu non abbia la scuola che ti fa da intermediario, basta che contatti direttamente le aziende che ti interessano. Penso che tu possa farlo anche in inglese, a meno che non voglia imbarcarti a scrivere lettere ufficiali in onorifico supersonico.
    Per quanto riguarda la paga, immagino che dipenda dalla ditta. Nelle ditte abituate agli stagisti e che sanno come funziona la cosa, la vedo dura pero`.
    Se pero` non tieni conto dello stipendio non credo sia un`impresa cosi`ardua trovare da fare uno stage. Anzi.
    Magari rivolgiti alle associazioni…non so quanto ti possano aiutare, ma tentar non nuoce! Quando ero in tesi ho chiesto all`associazione dei packaging designers giappi di poter vedere i loro materiali e, non solo me l`hanno permesso, ma mi hanno pure fatto fare le fotocopie gratis di tutto cio` che volevo!
    Ah, e, importante, ricordati di farti fare qualche lettera di presentazione ufficiale dall`universita`. I Giapponesi senza richiesta ufficiale si muovono difficilmente. Comunque, per pararti le natiche, potresti fartene fare in Italia e poi, una volta entrata nell`uni giapponese, da qualche prof giappo. Secondo me ti aiutano.

    Un`altra cosa che volevo dirti e che mi ero scordata, a proposito del commento qui sopra sull`assicurazione: ovviamente dal momento in cui sali sull`aereo fin quando non ti danno la tesserina dell`assicurazione, sei scoperta da qualsiasi cosa! Io fossi in te mi farei una di quelle private di cui si parlava per almeno un paio di settimane (non sai quando riuscirai ad arrivare all`ufficio del quartiere).

    • Cara Bea, mi sei davvero preziosa! In effetti mi chiedevo anche come avrei fatto in quel periodo di “scopertura” (conoscendomi sicuramente mi capiterà qualcosa in quel frangente). A questo punto devo 1) cercare una assicurazione internazionale per quel periodo 2) capire come fare il visto da sola…che direi che è la cosa più problematica xD
      Per quanto riguarda lo stage io mirerei a essere pagata, perchè dopo la fine dell’esperienza universitaria non ho più l’alloggio e se non mi pagano vado a finire sotto un ponte, oppure dovrei trovarmi un baito, ma in questo modo mi troverei a fare praticamente due lavori, mentre se trovo uno stage pagato trovo 2 piccioni con 1 fava…anche se mi pare di aver capito che è una mission impossible!

  4. Grazie mille delle informazioni🙂 adesso tento di informarmi meglio su questa assicurazione in loco (sto tentando di trovare un indirizzo mail del consolato per chiedere maggiori informazioni… Nemmeno a pagarli oro… Mi toccherà chiamarli).

      • *_* grazie mille!! Giusto non ci avevo pensato alla nostra di ambasciata😄

        Adesso cerco🙂 grazie. Volevo sapere cosa copre e quale è il tetto della copertura. Il Giappone è un paese caro non oso immaginare quanto possa costare una eventuale visita “specialistica”… e se copre cifre irrisorie ci penso un attimo a consigliarle quest’ultima (già convincerla che l’assicurazione sanitaria sia necessaria nonostante “lei non si sia mai fatta nulla e non si sia fatta mai nulla” è stata una impresa (–__–‘) ) Sarebbe però ottimo avere una assicurazione sanitaria locale🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...