Babbo bastardo

Ue ragazzi. Tanti auguri a tutti!

State mangiando come tanti porcellini all’ingrasso e vedendo film insulsi che solo a Natale vedreste? Io sì. Ho appena finito di vedere “C’è posta per te”, uno dei miei film insulsi preferiti e ora si parte col “Dottor Zivago”. Mi ricordo che quando uscì quel film (“You’ve got mail”) ci fu una piccola rivoluzione per il fatto che in un certo senso le relazioni nate via internet venivano “legalizzate”. Ora è la normalità e, anzi, c’è stata una progressiva degenerazione verso lo squallidume  e la banalità che fa rabbrividire. Io invece mi sento un pò vecchia da quel punto di vista, perché pur amando la rete e amando intrattenere rapporti cibernetici, li considero sempre un punto di partenza, il primo step per dare il via a un rapporto (di qualsiasi natura) umano, tangibile (quando i km non ci dividono) e davvero faccio fatica a concepire le bimbeminkia che si fanno le foto nel bidet e sotto scrivono “Ti StUpRo A rItMo MiNiMaLe”. No ma, certo. Chiaro come il sole.

Chiudo qui questo argomento arido (ne vorrei parlare, ma oggi non riesco a farlo decentemente, per cui evito di scrivere scontatezze) e passo alla lista dei regali del Babbo:

A.:

-agenda 2012 dei Beatles della Apple (la Mela è ovunque ormai);

-un telefono-auricolare rosso;

-una guida di Tokyo con tanto di cartina della metro;

-il libro dei Suicide Bunnies;

-un portachiavi con una bambolina vestita col kimono;

-il cd dei Foo Fighters;

A.’s mommy:

-un paio di orecchini di Tiffany;

-una collanina a forma di omino;

Family:

-il dvd di Totoro;

-un paio di parigine;

-una bilancia portatile con questa dedica: “Quando sarai in Giappone, tutte le volte che mangerai ti ricorderai di casa”;

-un robo per aiutarmi ad attorcigiliare le cuffie dell’mp3 (ebbene sì, ho un problema);

-delle pantofolone a forma di cane con tanto di cappello da notte;

-piedini di gomma per il pc;

-una borsa dell’acqua calda per mani.

Da notare la quantità di regali connessi al Giappone. Un caso? Mi hanno anche detto che questo è l’ultimo anno che riceverò tutti questi regali. Dovrei partire più spesso.

In questi giorni ho davvero dato il peggio di me a tavola, spazzolando qualsiasi cosa fosse vagamente commestibile e le mie glicemie piangono, la mia ciccia urla, ma io sono un po’ sorda.

Advertisements

2 pensieri su “Babbo bastardo

  1. -una bilancia portatile con questa dedica: “Quando sarai in Giappone, tutte le volte che mangerai ti ricorderai di casa”;

    Ahah, l’importante è non perdere questo ottimismo dilagante!!! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...