Sogno o son desta?

La giornata di ieri è stata a dir poco trasfigurante. Nella mia vita le cose cambiano alle velocità della luce e ora, da un giorno all’altro, mi ritrovo senza volo, senza compagnia aerea, senza assistenza sanitaria. Non che prima avessi tutte queste cose, ma almeno erano ben definite, erano le mie uniche certezze in merito al mio viaggio in Japan, ora invece devo rifare tutto daccapo. Una lunga conversazione con un personaggio particolare ma prezioso, mi ha convinto ha cambiare molte decisioni già prese e mentre lo ascoltavo mi sentivo un po’ come San Paolo caduto da cavallo perché accecato dalla luce della divina saggezza.

In estrema sintesi, ho abbandonato la Qatar Airways per la Emirates, perché hanno procedure di imbarco molto più agevoli e semplici per passeggeri speciali come moi, e mi danno la possibilità di modificare la data di ritorno fino a dodici mesi con una franchigia di 100 euro, inoltre posso allungare lo scalo e prendermi una giornata per vedermi quella meraviglia di città chiamata Dubai. Stamattina mi sono sincerata di tutte queste cose via telefono e penso di essere approdata a una decisione finale.

Per l’assistenza sanitaria sia B. che San Paolo mi hanno confermato la possibilità di fare un’assicurazione sanitaria direttamente in Jap, poiché avrò l’Alien Card, indi risulterò residente e quindi basta costringere il mio tutor giappo a prendersi mezza giornata per andare al comune e farmi compilare il modulo per ottenere tale agevolazione alla modica cifra di 10-12 euro al mese.

Bando alle ciance, devo assolutamente scrivere i sogni che ho fatto stanotte. Premetto che non ho visto in tv nulla per cui non sono stata influenzata, è solo il mio cervello che è malato.

1. Sono in quel buco polveroso che è Sagnino, tutto secco e grigio, in uno scenario post-apocalittico, la gente muore come mosche e c’è poca speranza di sopravvivenza; poi scopro una siepe e al di là di quella un mondo sanissimo, tutto verde e col cielo azzurro dove non ci sono malattie e la gente sta bene e io dico alla mia famiglia:” Guardate cosa c’è oltre la siepe!! Dobbiamo andare via! Fuggire da qui!”. Riesco a convincere i miei e scavalchiamo la siepe e tutto è perfetto. Ci accoglie la pediatra di quando ero bambina e ci visita tutti per vedere se siamo infetti (?) o meno.

2. Con due complici (M. e N.) rubo 150 milioni di euro e li nascondiamo in un auto americana color carta di zucchero. La polizia si insospettisce e inizia a cercare la macchina ed entra in un parcheggio dove guarda caso ci sono ben 10 macchine color carta di zucchero (quando si dice le coincidenze) e noi capiamo che dobbiamo assolutamente fare qualcosa, per cui facciamo i cazzoni  e convinciamo la polizia che la nostra macchina non c’entra nulla con la rapina e che noi siamo entrati nel parcheggio solo per prendere la macchina e andarcene. Io e i miei complici la scampiamo e saliamo sulla vettura (al cui interno inspiegabilmente trovo una lastra di compensato che mi schiaccia contro il sedile) e mentre scappiamo io urlo di gioia: “Finalmente non dovrò più preoccuparmi dei soldi! Non vivrò più di stenti in Giappone! Potrò non trovarmi un lavoro!”, ma a un certo punto appare un tizio losco che ci dice di guardare sul porta bagagli, dove c’è una macchia rossa e ci spiega che ha contrassegnato quella macchina perché lì ci sono i soldi falsi e abbiamo preso la macchina color carta da zucchero sbagliata! Improvvisamente siamo in un grattacielo altissimo ed è chiaro che il tizio ci vuole uccidere e noi decidiamo di scappare (anche se pensiamo comunque di riprendere i soldi veri) e mentre siamo inseguiti da brutti ceffi la stanza in cui eravamo salta in aria e noi stiamo per essere raggiunti dalle fiamme.

Mi sveglio.

Più stanca di prima.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...