#Sonounhashtagvivente o sull’update syndrome

Dopo aver passato un’altra giornata a far finta di studiare (rendendomi conto che non riesco a tenere la concentrazione per più di 8 secondi di fila) e a ingozzarmi come solo un cotechino con lenticchie di Modena sa fare, ho deciso di aprire Twitter. Mi sono resa conto di avere fatto una cazzata. Perchè significa che se già il blog mi permetteva di scrivere cagate a ruota libera, Twitter è ancora peggio. Fino a qualche giorno fa non lo usavo praticamente mai. Poi ho scritto una cosa e me l’hanno messa tra i favorite, poi ho scritto un’altra cosa e me l’hanno retwittata, poi la gente ha iniziato ad followarmi a caso e poi un tizio mi ha dato della troia. E poi mi ha followata. E io in tutto ciò mi dicevo:”Eh?”.

Ed è sempre stato grazie a twitter che ho scoperto che esistono le beliebers e le directionres (sembrano due schieramenti del Risiko) e che oggi secondo la TT, ovvero la Trend Twitter list, la lista dei twitter più twitterati, le directioners rispettavano le beliebers e che i celeberrimi Coleen and Julian sono nella finale di non so bene cosa, che un sacco di gente ha un sacco di bestBigMemories da condividere e che We are proud of Victoria Justice (chiunque tu sia, ovunque tu sia, noi siamo orgoglioni di te). Dopodichè mi è stato detto che dovrei fare amicizia, e quindi seguire, Tiffany&co., Mark Hoppus e Billa Gates, anche se non sono sicura che loro sappiano chi io sia.

Che poi con sta cosa degli hashtag ogni cosa che fai diventa un potenziale trend: oddio che ficata #hospruzzatoacquadalnaso, ma se io #nonmilavo poi #puzzo? #maseioscrivotuttodifilavalelostessocomehashtag ?

Tutto questo per dire che se all’inizio non riuscivo manco a starci dietro, perchè mi sembrava che tutto andasse troppo velocemente, troppi aggiornamenti in un minuto, poi il mio cervello ha iniziato a sintonizzarsi, a scaricarsi i vari plug-in e updates per velocizzare i neuroni, gli occhi hanno perso le classiche due diottrie di scotto (quelle che sistematicamente perdi quando ti inserisci in un nuovo social network, causa vicinanza eccessiva allo schermo nel tentativo di carpire tutte le info necessarie) e ora mi sembra che addirittura vada a rilento e oggi mi sono trovata a pensare:”Beh, non succede niente?”, poi per fortuna mi sono ripigliata e come al solito sono andata a indagare meglio dell’Ispettore Gadget, per scoprire che in realtà una buona percentuale di quelli che stanno su twitter si sentono comici nati, o ci stanno per litigare, o lo fanno per seguire qualcuno di famoso, o sono famosi e postano foto imbarazzanti e autocelebrative (ma questo lo fanno tutti ormai).

Come diceva una mia buona conoscenza del Kansas, siamo oramai affetti da questa Update syndrome, per cui se non troviamo ogni 3 secondi qualcosa di nuovo ci sentiamo persi e subito annoiati e nel contempo se non ci aggiorniamo ogni 3 secondi ci perdiamo una marea di news e restiamo fuori dal mondo. Ci perdiamo qualcosa in ogni caso.

Ma allora se staccassimo la spina e cominciassimo a vivere nella vita reale?

#Admaiora.

14 pensieri su “#Sonounhashtagvivente o sull’update syndrome

  1. ahahah Questa cosa degli hashtag non l’ho mai capita neppure io. O mi perdo qualcosa oppure è davvero una moda da bimbiminkia.
    Ma ti prego, dimmi qual è il tuo account che ti voglio followare!

  2. Boh, ho creato l’account mesi fa e l’ho praticamente usato per seguire le pagine (pagine? Boh) di due o tre cantanti…per quanto riguarda me lo trovo abbastanza inutile😐 Sarà che nessuno mi caga, nemmeno mi danno della faccia di merda a gratis!

  3. Ahahah sei un amore :* Tra l’altro nel mentre ti stavo insultando su twitter, ma una delle (tante) cose che non mi è chiara è dove finiscano le discussioni. Io sono dell’idea che abbiano fatto le cose a caso, e se chiedi ai programmatori ti diranno “BOH DA QUALCHE PARTE SARA'” :O

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...